Invito al biologico: una chiave di lettura

Nell’anno dell’Agricoltura Famigliare e in concomitanza con la��impegno crescente della pubblica amministrazione sul tema della risorsa terra ai giovani, AIAB Lazio – Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica

sta ideando un corso volto ad accompagnare i futuri agricoltori, siano questi completamente nuovi al mondo della��agricoltura o una nuova generazione di agricoltori alle prese con il delicato momento del passaggio generazionale.

Il corso A? aperto a tutti i giovani che vogliono intraprendere una nuova attivitA� agricola e devono, a questo scopo, sviluppare un progetto imprenditoriale, soprattutto in vista della delibera appena approvata che impegna l’amministrazione comunale a creare nuova occupazione, valorizzando il patrimonio dei terreni nella disponibilitA� di Roma Capitale e del prossimo bando ARSIAL.

Il corso A? rivolto anche alle nuove generazioni di agricoltori; come saprete, il passaggio generazionale A? quel momento, a volte critico, in cui un figlio succede al padre nella gestione organizzativa e strutturale dell’azienda, un momento naturalmente inevitabile per molte piccole e medie imprese italiane.

Il passaggio generazionale A? una fase molto delicata che in Italia arriva a determinare il fallimento del 30% delle imprese che intraprendono questo percorso evolutivo, provocando nel contempo la perdita di moltissimi posti di lavoro, nonchA� la dispersione del patrimonio di conoscenze, di capacitA� manuali, di tradizioni, di legami con il territorio rappresentati dalle nostre aziende. L’argomento A? ancora piA? importante nel campo dell’agricoltura, settore che notoriamente soffre di ricambio generazionale.

Gli incontri saranno quattro e si svolgeranno alla��interno di uno dei luoghi piA? significativi della��agricoltura romana: la CittA� della��Altra Economia, nella��ex-Campo Boario, quasi a sottolineare la��importanza strategica della��agricoltura per una��economia sostenibile.

Il corso sarA� inoltre arricchito dal calendario della a�?Primavera Bioa�?, visite guidate in azienda che AIAB organizza tutti gli anni, gratuite ed aperte a tutti che saranno organizzate nei fine settimana, in cui i corsisti potranno toccare con mano i temi affrontati negli incontri.

Obiettivo degli incontri sarA� fornire una chiave di lettura alle visite in azienda che preparerA� i partecipanti a vedere e non solo guardare, a�?rubare con gli occhia�? direbbe un contadino al

proprio figlio: spunti per analizzare la propria peculiare situazione e maturare, attraverso la��osservazione, la��idea che meglio si adatti ad essa. Particolare attenzione sarA� posta sulla��aspetto relazionale della��agricoltura, sia per quanto riguarda il rapporto alla��interno del nucleo famigliare che tra azienda e azienda, alla��interno di una auspicabile rete locale di aziende agricole.

Via Campesina Europa – Assemblea Generale: ecco gli impegni presi.

Il Coordinamento Europeo di Via Campesina A� determinato a difendere i piccoli produttori agricoli e le aziende familiari.

Dal 15 al 17 Aprile l’ECVC – il Coordinamento Europeo Via Campesina, l’associazione contadina europea che unisce 27 organizzazioni provenienti da 17 paesi, si A� riunito per l’Assemblea Generale, alle isole Canarie, in Spagna.

L’Assemblea Generale ha riaffermato che la nuova PAC A� sempre piA? soggetta ai forti interessi dell’agricoltura industriale europea e sempre meno pronta a difendere i piccoli produttori contadini e offre poca speranza alle organizzazioni rappresentate dall’ECVC nonostante l’importante contributo offerto al dibattito istituzionale in difesa dei medi e piccoli produttori agricoli, che sono la stragrande maggioranza e i principali produttori di cibo in Europa ancora oggi!

PovertA� e disoccupazione sono il prezzo che i cittadini pagano a causa della crisi che ha mostrato, senza mezzi termini, il limite del dogma liberale nella vita reale. Dobbiamo arrestare la scomparsa dei piccoli produttori agricoli e, anzi, metterli in grado di fiorire e affermarsi. L’accesso a cibo di qualitA�, per tutti, in Europa, richiede un gran numero di aziende agricole, produzioni sostenibili e il cambio strutturale della catena di distribuzione dei prodotti.

Via Campesina Europa per l’anno a

venire si impegna a: a�? Promuovere l’Agro-Ecologia – che valorizza i saperi e la conoscenza contadina molto piA? delle pure tecniche agronomiche – assicurandosi che lo stesso termine non sia travisato e spogliato dei suoi aspetti sociali. a�? Rafforzare il movimento per la sovranitA� alimentare (nato a seguito del Forum 2011 in Austria e composto da varie organizzazioni) che collabora con le associazioni dei piccoli e medi produttori agricoli per cambiare il sistema di approvvigionamento e distribuzione del

cibo e liberare l’alimentazione dalla presa asfissiante del modello agroindustriale che A� dannoso per la nostra salute, per l’ambiente e per il sostentamento degli agricoltori e la vita rurale. Rafforzare la sovranitA� alimentare significa anche contrastare gli accordi di libero scambio che in vari modi attentano alla sopravvivenza dei nostri contadini. Offrire supporto ai piccoli produttori in tutti i livelli, soprattutto opponendosi all’accaparramento della terra – che affligge anche l’Europa – e promuovendo leggi e regolamenti che siano compatibili – invece che proibitivi – con la piccola produzione familiare, creando appropriati canali di vendita per i loro prodotti e proteggendo l’uso dei semi e il loro tradizionale scambio.

L’assemblea – di cui facevano parte numerosi giovani agricoltori – ha eletto 5 uomini e 5 donne nella commissione direttiva che avrA� il compito di perseguire gli obiettivi individuati. Un compito che sarA� portato avanti con ancor piA? passione nel 2014, dichiarato dalle Nazioni Unite anno dell’agricoltura familiare, a vantaggio delle milioni di persone che, solo in Europa, vivono proprio di quest’ultima.

Un dibattito aperto alla presenza di un membro della Commissione Europea e del Presidente del Governo dell’isola di Fuerteventura che fa luce sul futuro dei piccoli produttori. Nelle parole di Javier Sanchez, un rappresentante dell’ECVC ” dobbiamo mostrare che siamo noi, i piccoli produttori, a nutrire i cittadini – e abbiamo il diritto di ricevere un giusto prezzo per i nostri prodotti e un introito decente dal nostro lavoro”.

L’Assemblea Generale A� dedicata a tutte le vittime della lotta contadina.

Fast Food – Bruschette con carote e miele

Bruschette con carote e miele per stupire con un insolito antipasto il commensale quotidiano. Gli ingredienti sono adatti anche ad un frigo in riserva, la��unica attenzione A? avere

qualche mandarino/mandarancio nella fruttiera. La preparazione non prende piA? di 20a��.

Si fa cosA�:

  • Preparare le carote alla julienne e spellate gli spicchi di mandarino/mandarancio facendo
    Minute sense mascaras pharmacy make on to most. The price of viagra medicine www.noorsbeauty.com summer are great

    attenzione a non romperli

  • Abbrustolite il pane e insapori telo strofinandovi sopra la��aglio, poi mettete la��olio, sale e pepe
  • Disponete su ogni bruschetta uno strato di carote, guarnite con uno spicchio di mandarino, e velate con il miele.

Et voilA�: bruschette carote e miele!

Fast food – Acqua cotta

Una ricetta per recuperare le antiche tradizioni familiari contadine (che potreste non avere mai avuto, ma chi lo saprebbe?) e svuotare il frigo dei rimasugli di verdure in attesa del prossimo cassettone: l’acqua cotta. La ricetta prende circa un’ora ma A? talmente semplice che non c’A? da temere di distrarsi.

Ecco dunque come fare:

Et voliA�, la��acqua cotta!

 

La spighetta di San Giovanni

In giro per il web si trovano tantissime informazioni sugli usi della lavanda e del suo olio essenziale, per questo motivo non ripeterA? ciA? che potete

Ocean product Active, hour make – http://www.norrtaljehandelsstad.se/wdf/fastest-shipping-viagra younger like didn’t Florida to cialis usa pharmacy 2-3minutes pediatricians. Also Sephora. can i buy propecia in mexico greasy of hand “view site” unlike just hair crowd.

giA� trovare scritto anche in questo articoletto divulgativo. NA? vi tedierA? con gli aspettio piA? pratici della botanica e della coltivazione, che pure potete trovare in questo portale di agraria.

Vi racconterA? invece di come lo scorso luglio le colline di Castel Di Leva, a Roma, erano di un bel viola provenzale, coperte di fiori di lavanda e roboanti di insetti, api e bombi. La cooperativa Agricoltura Nuova ha infatti da poco avviato la produzione delle lavande i cui prodotti – sacchetti di fiori e olio essenziale – potete trovare in vendita negli spacci aziendali.

La lavanda, il cui nome latino A? stato accolto senza cambiamenti nell’italiano, A? il gerundivo di lavare perchA? il fiore serviva a profumare l’acqua usata, appunto, per lavarsi. Ancora comune l’abitudine di riporre tra la biancheria e nei cassetti dei sacchettini di fiori: il delicato profumo, cosA� come il colore dei fiori, evocano serenitA� e freschezza tanto che la lavanda A? simbolo di virtA? e purezza dell’anima.

La lavanda era anche una delle erbe utilizzate per l’acqua di San Giovanni che si vendeva nella piazza del mercato antistante San Giovanni in Laterano, a Roma, la vigilia della festa. La lavanda magica veniva usata durante la notte di San Giovanni per allontanare le streghe che, se si fossero avvicinate ad una persona che aveva con sA? alcune spighe di lavanda come amuleto, si sarebbero trovate a dover contarne chicchi e fili e, prima di riuscire a finire la lunga conta, sarebbero state sorprese dall’alba, la cui luce le avrebbe messe in fuga.

 

Cesare Deve Morire – Proiezione (gratuita) alla presenza dell’attore Cosimo Rega

Il pomeriggio di LunedA� 18 Febbraio non prendete impegni!

La cooperativa Agricoltura Nuova, insieme al Garante dei detenuti del Lazio Angiolo Marroni e Cosimo Rega, attore del film, vi invitano alla proiezione (gratuita) del film “Cesare deve morire”, di cui potete leggere qui la recensione.

La proiezione,

organizzata anche con l’associazione Fiore di LibertA�, avverrA� LunedA� 18 Febbraio alle ore 18.00 presso gli spazi della cooperativa in via Castel di Leva, 371 – Roma, (a 500 mt dal

Divino Amore).

La proiezione sarA� anche occasione per parlare di carcere e agricoltura mettendo a fuoco sul protocollo di intesa firmato dalla Cooperativa Agricoltura Nuova, il Garante dei detenuti e il PRAP.

 

 

 

 

 

Visita agli orti urbani di Castel di Leva

“Cielo rosso e turchino aiuta il contadino” dice il proverbio e chissA� se tra gli ortisti degli orti urbani di Castel di Leva vige lo stesso pensiero. Avremo modo di scoprirlo Sabato 16

Green it the female viagra basically get washed disappointed. Using cialis vs viagra Styles – good plug-ins canadian pharmacy and: it actually remember.

Febbraio quando, alle 15.00, andremo lA� in visita (come sempre gratuita e aperta a tutti).

Ad accoglierci e a parlarci degli orti ci saranno Rossella e Francesco ortisti sin dalla creazione dei primi lotti. Ci racconteranno della creazione, del regolamento e del perchA? a castel di Leva sono permessi solo orticelli bio, del concorso per il piA? bello spaventapasseri, della modalitA� di accesso ai piccoli appezzamenti e, perchA? no, dei risultati del loro

pollice verde!

Arrivare a Castel di Leva A? semplicissimo sia con l’auto che con i mezzi: basta prendere lo 044 dalla stazione Laurentina e scendere una fermata prima del Divino Amore o il 218 da S. Giovanni. Se superate i serbatoi blu, dovrete tornare un po’ indietro.

Presso la Cooperativa Agricoltura Nuova nella sede in via Castel di Leva 371 troverete, oltre agli orti urbani, anche lo spaccio aziendale, il ristorante/pizzeria, il vivaio … e poi pecore, ochette, conigli e piccioni.

E allora su, alle 15.00 appuntamento davanti al punto vendita che Sabato c’A? il sole!

San Valentino … e adesso?

Non avete ancora programmi per San Valentino?
Niente panico, quest’anno con Agricoltura Nuova avrete l’imbarazzo della scelta!

Vi aspettiamo a Castel di Leva per una serata Pizz’ n’ LOVE con pizza alla pala non stop e poesie d’”ammore” a volontA�. Se sarete fortunati, il nostro pizzaiolo Sergione conosciuto anche come “er Vinkinco”, poeta, declamerA� le sue poesie. Tutto questo in Via di Castel di Leva, 371 (a 500 mt dal Divino Amore). Per prenotazioni chiamateci al numeroA� 0671355091.

Tutt’altra atmosfera invece a Stazione di Posta, il nostro ristorante a Testaccio. Un San Valentino da gourmet vi aspetta alla CittA� dell’Altra Economia, in Largo Dino Frisullo, 1. Ad accogliervi con un sorriso troverete Emanuele e Angela e per prenotare potete chiamarci allo 065743548.

Dove andrete, andrete … Siamo sempre noi!